Arrivederci, Champions League

Una buona Lazio si congeda dalla Champions League con una sconfitta di misura in casa del Bayern campione del mondo e detentore della Coppa. Una partita giocata con puntiglio, per dimostrare che la disavventura dell’andata non rendeva giustizia al valore della squadra. Il Bayern ha alternato momenti di forte intensità con qualche pausa, la Lazio si è proposta in attacco soprattutto all’inizio, con buone trame, cercando una circolazione di palla rapida per non incappare nel feroce pressing avversario. I bavaresi, in vantaggio al 33′ su rigore realizzato da Lewandowski e concesso dall’arbitro per un fallo abbastanza veniale di Muriqi su Goretzka, una trattenuta che si vede spesso in azioni da corner, hanno accelerato nel finale del primo tempo e hanno esercitato una maggiore pressione nella ripresa, man mano che la Lazio perdeva brillantezza. Raggiunto il raddoppio con Choupo-Mouting, in una delle rare occasioni concesse da una difesa laziale più attenta del solito, i tedeschi hanno subito il ritorno della Lazio, che ha trovato il gol con un bel colpo di testa di Parolo su prezioso cross, su punizione, di Pereira. Qualche buona occasione non sfruttata da Correa, Milinkovic, Acerbi, qualche buona parata di Reina, un ottimo Marusic a fare la guardia su Lewandowski e una prestazione confortante, con la soddisfazione del gol per il solito, impagabile Parolo. Si lascia la massima manifestazione Europea dopo una buona prestazione sul campo della squadra più forte. Nel bilancio della Lazio una qualificazione bellissima, ottenuta in condizioni di assoluta emergenza, e un sorteggio proibitivo che ha impedito ai biancocelesti di nutrire speranze di andare oltre gli ottavi, offrendo, comunque, un contributo più che dignitoso allo spettacolo. Una squadra degna del massimo palcoscenico, che ora deve fare il massimo per rimanere nell’Europa che conta.

La caduta da romanzo di mister miliardo. Sartor, un bravo ragazzo

La parabola di Sartor, da “Mister Miliardo” a rinnegato e dimenticato


Illustrazione di Lorenzo Conti

Se l’Italia si dimostrasse sensibile quanto l’Inghilterra alla dimensione epica del calcio, oggi Luigi Sartor sarebbe l’uomo del momento, braccato dagli editori disposti a sgomitare per pubblicare la sua autobiografia e dai produttori televisivi risoluti a mettere in scena la sua parabola esistenziale.

Continue reading “La caduta da romanzo di mister miliardo. Sartor, un bravo ragazzo”

Caicedo sblocca la Lazio

Al fin della licenza, Caicedo tocca. E se segna sempre nei minuti finali della gara c’è un motivo: è perché gioca solo quelli. Che sia per la fascite plantare o per un destino avverso, questa è la realtà: mai citazione chinagliesca fu più appropriata, insieme all’altra frase famosa di Giorgio: bisogna fare go’, diceva lui, che di gol se ne intendeva.

Ecco, la Lazio non fa più go’, rispetto alle medie d’abitudine fino all’anno scorso. E tutto si mette su un piano inclinato scivoloso: la squadra tende a sbilanciarsi per aumentare la pressione offensiva, negli spazi intasati non trova mai l’ultimo passaggio, e il tandem d’attacco titolare ne risente. Vero che la Lazio ha quattro punte da ruotare, ma il tecnico ne usa soprattutto due: se gli stenti di Muriqi sono evidenti, ancorché comprensibili, avendo dieci minuti a partita a disposizione, il discorso su Caicedo è ben più complicato, perché Felipe ha una media realizzativa eccellente. Solo che gioca poco.

Col Crotone la fatica fatta dalla Lazio è veramente esagerata, soprattutto perché, come ha detto Cosmi a fine gara, la Lazio ha iniziato con un avversario timoroso e quasi inerte, costruendo il suo gioco a volte ruminato, a volte frenetico ma sempre privo di sbocchi.

Luis Alberto, oggi il migliore insieme a Caicedo, ha abbandonato la pratica dell’assist, dopo essere stato il miglior assistman l’anno scorso, per darsi al gol.
Ottimo, ma viene il dubbio che il problema siano i compagni che non trasformano in gol le sue assistenze, e che perciò lui si sia messo in proprio.

Le difficoltà di Immobile continuano, anche se oggi è sembrato meno sofferente che nelle ultime uscite. La testa però balla per tutti: sembrano provarlo i troppi tiri forzati finiti in curva, gesti fatti quasi per liberarsi di una palla che scotta, di cui non si sa cosa fare.
Come ha fatto Escalante, scoccando quel tiro a mezza altezza, senza pretese, che Caicedo ha ghermito, felino, con un perfetto controllo, per poi fiondare in porta, fulmineo.

Un gol che restituisce valore alle prodezze di Milinkovic-Savic e di Luis Alberto, annullate dal doppio pareggio di Simy, uno su un rigore veramente sciagurato causato da un intervento sbadato e irruento di Fares, che continua nella sua misteriosa oscura stagione.

C’è una specie di maledizione del terzino/esterno sinistro che affligge Tare: ogni soluzione portata in quel ruolo, per un motivo o per l’altro, finisce per fallire. C’è ancora tempo ma Fares, a oggi, ha deluso. Con lui la difesa, sempre sotto accusa. Ma si sa che la difesa è un fatto di squadra. A meno che non compia errori individuali, e alla Lazio non manca mai chi ne fa di madornali.

Oggi si è rischiato di pareggiare contro l’onesta ultima in classifica, subendo gol in due situazioni su tre: la terza, per fortuna, sventata da un Reina decisivo. La Lazio lascia perplessi, da qualunque angolazione la si guardi. Forse chiudere il capitolo Bayern le farà bene, e allora questi tre punti potrebbero diventare un piccolo, nuovo inizio.

Nulla è perso!

Dopo la sconfitta di Torino, ecco l’analisi, non solo tattica, di un momento difficile
di Giuseppe “Gasco”

 

ORA MI ASPETTO GLI UOMINI: siamo in grande difficolta’ purtroppo per tanti motivi e questo peggiora le problematiche ma allo stesso tempo abbiamo un calendario molto favorevole nelle prossime partite.
Una Lazio all’ 80% puo’ fare filotto: ancora puo’ dipendere solo da noi perche’ dobbiamo (recuperare?), la partita contro il Toro e le altre hanno scontri diretti.
Ad esempio sappiamo che la roma soffre moltissimo gli scontri diretti.
Il Napoli ha problemi come noi anche se a differenza nostra sembra ne stia uscendo.
L’ Atalanta (tolte l’ Inter, la Juve e il Milan), mi sembra quella più pericolosa.

Tuttavia dobbiamo ricordarci che abbiamo stracciato Atalanta, Napoli e roma: è vero che c’erano i titolari ma forse rientreranno Radu e L.Felipe (si era parlato delle ultime 9 partite per lui!). Tare, Inzaghi, Peruzzi, Farris e i giocatori devono guardarsi e dire: possiamo ancora farcela!

A preoccuparmi sono pero’ 3 cose:
1) Non vedo questa mentalita’ e questo spirito di squadra ed e’ proprio per questo che devono chiudersi dentro una stanza e guardarsi in faccia (affrontarsi se necessario).

2) Al di la’ del modulo che io cambierei visto che gli interpreti non sono più quelli di prima, cambierei in un 4/3/1/2, perchè con i nostri terzini offensivi il 4/3/1/2 sarebbe quello più applicabile rispetto agli altri moduli a 4 dove i terzini giocano più centrali e devono difendere di più oltre ad aver altri compiti. Do per certo che il mister non schioderà dal 3/5/2, per cui bisognerà trovare soluzioni dentro il suo credo.Allora dico, ok il 3/5/2: purchè si parta da una certezza che è Acerbi al centro!
Non possiamo far comandare la difesa da Hoedt e relegare il nostro miglior difensore (Acerbi), lontano dalla zona nevralgica della nostra area di rigore.
Ci sono le parole di Zoff in merito alla posizione di Acerbi (Zoff non e’ proprio uno sprovveduto e ama la Lazio!). Purché si parta da un’altra certezza che è quella di non mettere i titolari (quelli rimasti), fuori ruolo: Marusic se non gioca a sinistra deve giocare a destra, non puoi far entrare  Patric, lasciar Marusic dietro e far fare il quinto a Patric.  poi proprio te mister che sei il primo a non voler cambiar modulo per non togliere certezze ai giocatori mentre e’ in questo modo che gli e ne’ togli di piu’.

3) Che si dia respiro a Ciro per averlo al massimo tra due settimane: Caicedo era in ballottaggio con Correa contro la Juve quindi significa che si e’ ripreso e può giocare.
Caicedo ora non deve esser in ballottaggio con Correa ma deve essere il titolare al posto di Ciro finche’ regge il minutaggio. Se Caicedo regge 2 settimane Ciro tornera’ pimpante: e per noi, Ciro e’ fondamentale.

Non mi interessano gli errori commessi fino ad oggi o, almeno non ora: adesso mi interessa non commettere piu’ gli stessi errori di prima e mi interessa arrivare alla meta poi a fine campionato il Presidente tirerà le somme.

Muriqi non può rappresentare una certezza: magari entra e fa grandi cose ma ora dobbiamo affidarci all’ esperienza, alla sicurezza e a chi già è integrato al gioco della squadra: Caicedo. Ma Muriqi così come Pereira potranno esser comunque fondamentali nei 5 cambi all’interno delle gare. La squadra conosce Caicedo e sa come servirlo.
Muriqi fa un altro tipo di gioco che noi non utilizziamo in questo momento e questo rappresenterebbe un ulteriore mancanza di sicurezza.

Ora, dobbiamo puntare a vincerle: niente è finito ma  questi 3 punti sono fondamentali oltre al fatto di rinchiudersi da qualche parte, guardarsi negli occhi e stringere un patto d’ acciaio per dare l’anima da qui a fine campionato (giocatori e mister compreso).

A fine campionato, Lotito esprimerà i suoi giudizi e anche Tare verrà valutato: ora, deve parlare solo il campo.

Ah, e niente  impostazione orizzontale dal basso. Con determinati interpreti possiamo permettercelo ma con altri, no. Ci sono pochi punti fondamentali per battere le prossime avversarie: il tutto condito da tanta cattiveria agonistica.

Musacchio secondo me può dare di più rispetto ad Hoedt e Patric: soprattutto non abbiamo alternative se non vogliamo spostare Acerbi a sinistra, e Acerbi DEVE GIOCARE AL CENTRO E DEVE PENSARE A DIFENDERE NON AD ATTACCARE!. Musacchio e Patric in attesa di Radu e L.Felipe possono giocare esterni: Hoedt, no e ti costringe a spostare Ace a sinistra.

La soluzione deve essere la piu’ semplice: anche perché non ne abbiamo altre, a meno che non si voglia passare a  4 cosa che Inzaghi non farà. Allora giochiamo pure a tre ma con questi punti base: se mancano i giocatori per prima cosa non bisogna spostare di ruolo quelli rimasti! E per far questo ti devi fidare degli altri: se sbaglieranno e perderemo non sara’ colpa dell’ allenatore ma se spostiamo anche i titolari le certezze rimaste saranno ridotte al lumicino e perderemo (come sta avvenendo), anche le altre.

Inzaghi chiaramente non puo’ non entrare in ballo. In questo momento deve far le cose più semplici fidandosi per forza del materiale che ha: e nessuno gli butterà la croce addosso.

Sono sicuro che facendo le cose semplici arriveremo alla meta: ma non prima di esserci guardati tutti in faccia.

FORZA INZAGHI, FORZA RAGAZZI E FORZA LAZIO! NULLA E’ PERSO: “CHI VUOL RIMANERE RIMANGA CHI VUOL ANDARE VIA PUO’ PURE ANDAR VIA” (E.FASCETTI -9).

Disastro a Bologna

Che quella di Bologna fosse una gara delicata s’era detto in tutte le salse, dopo la botta subita col Bayern. La Lazio ha anche cominciato bene, fino al rigore: un grazioso regalo di Dominguez, che stende Correa in modo insensato, un palmo dentro l’area, con due compagni intorno a sbarrare il passo all’argentino. Immobile va sul dischetto e calcia: il tiro non è forte né angolato e Skorupski si tuffa e lo abbranca in presa facile e sicura.

Il tempo di abbassare lo sguardo e Ciro assiste da lontano alla bella azione che porta il Bologna a segnare: Orsolini tira secco su cross proveniente da destra, Reina para ma respinge corto, tentando di buttarla di lato, Mbaye è più pronto di Lazzari e deposita in rete vanificando il tentativo di chiusura dello stesso Reina. E qui cominciano i guai, come se i due eventi avversi in un minuto non fossero già pesanti abbastanza.

La Lazio si disunisce, non trova le forze per reagire e subisce l’entusiasmo del Bologna, che crea alcune situazioni favorevoli con Barrow, che va vicino al raddoppio, contenuto anche da Reina. Altro snodo della partita al 31′: proprio il portiere biancoceleste fa partire un contropiede micidiale, servendo in verticale Correa, che vola verso la difesa bolognese, in superiorità numerica, con Lazzari a destra e Luis Alberto a sinistra che chiedono palla, pronti a concludere. L’argentino è indeciso, temporeggia, arriva al limite dell’area e cerca un passaggio lento e prevedibile per Luis Alberto, facile preda della difesa.

La Lazio rumina gioco ma non tira, o se lo fa è innocua, spesso fuori misura, con conclusioni forzate e velleitarie. Il Bologna gioca bene anche se non sfrutta i molti errori in appoggio della Lazio, sempre in affanno se pressata quando fa partire l’azione.

A inizio ripresa, con Lulic in campo per l’infortunato Lazzari, i biancocelesti sembrano entrati con un piglio diverso, ma la loro spinta dura poco e non produce grandi opportunità, solo tiri ribattuti e manovre che s’infrangono in una zona centrale affollata.
La Lazio mostra evidenti limiti, non riesce a variare il tema di gioco, s’intestardisce a voler passare dove non c’è spazio. Poi capitola di nuovo, grazie a una prodezza di Sansone, bellissima esecuzione al volo su cross di Barrow.

Inzaghi si decide a cambiare, toglie Leiva, Immobile e Patric e inserisce Muriqi, Pereira e Cataldi. Curioso che sullo 0-2 ci si affidi a uomini che il campo lo vedono ben di rado: gli si lascia modo di operare a gara compromessa, non certo facilitandone l’inserimento.
La Lazio prova, ma non cava un ragno dal buco. Trova nel finale un paio di buone situazioni che fanno fare bella figura a Skorupski e china il capo, sconfitta, al fischio finale.

Poi incassa le rampogne del mister, in sala stampa: si aspettava una reazione migliore, perché le grandi squadre, se sono tali, devono saper reagire alle avversità. Qualcuno ci legge uno smarcamento da responsabilità che toccano pure al tecnico: sarebbe lungo elencarle tutte, ma è chiaro che la squadra segna con difficoltà e subisce con facilità, in questo frangente.

Se sia la testa leggera della sbornia di coppa non è dato sapere, ma Bologna arriva dopo sconfitte analoghe subite con Sampdoria, Verona e Udinese. Squadre di piccolo/medio cabotaggio in grado di opporsi al gioco della Lazio mettendone a nudo limiti precisi, a questo punto, visto il ripetersi della circostanza.

Proprio la differenza di potenziale rispetto a certi avversari sembra suggerire che non basta puntare il dito sulle carenze della rosa, a questo punto, per spiegare certi rovesci. Una squadra corta di alternative in certi reparti e lunga in altri, con gente che non esce mai e gente che vede il campo solo in situazioni compromesse o di minore impegno: la sensazione, avvalorata da certe dichiarazioni di Lulic ai microfoni della tv, è che il tecnico si fidi solo di alcuni, e che offra agli altri poche opportunità.

Anche a costo di schierare, come oggi, un Immobile che fa fatica per problemi fisici, o un Leiva che non sembra più sostenere l’intensità di certi impegni. Si dice che dopo la Champions la squadra accusi lo sforzo. Ma se c’era la fatica del Bayern nelle gambe perché schierare in campo la stessa formazione? Domande senza risposta, mentre il tempo passa, il rinnovo di Inzaghi resta nelle intenzioni, la classifica peggiora vanificando la rimonta di inizio anno. Restano 14 partite per centrare un obiettivo difficile. Se la Lazio vista oggi non è quella che ci aspetta da qui in poi.

 

Il Bayern boccia la Lazio

Doveva essere una partita da giocare con la massima concentrazione, cercando di non commettere errori: la Lazio ha confezionato in proprio tre dei quattro gol del Bayern e rimedia una sonora lezione che la ridimensiona, inadatta al confronto con un avversario di levatura assoluta.

Difficile capire se si sia trattato di un approccio sbagliato, dell’emozione per un confronto così importante, della pressione insostenibile dell’avversario o che, ma è evidente che i biancocelesti hanno subito in ogni reparto, soprattutto nel primo tempo.

Non hanno saputo misurarsi col proverbiale pressing alto dei bavaresi, per evidenti limiti tecnici dei difensori, ma hanno faticato anche quando sono riusciti, bene o male, a superare la prima resistenza tedesca, non riuscendo a costruire gioco, facendosi trovare spesso in fuori gioco, concludendo in modo poco convinto quando si è presentata l’occasione.

Il Bayern ha sfruttato gli errori della Lazio, facendo in modo di provocarli. La Lazio ci ha messo, però, del suo, e rimane il rimpianto, oltre che per il rigore non concesso per un fallo di Boateng su Milinkovic, sullo 0-1, anche per non aver giocato con il giusto piglio la partita. Gettare la croce sui singoli, Musacchio e Patric su tutti, non basta.

La discreta prestazione nella ripresa mitiga solo in parte la sconfitta, che è una bocciatura solenne, non riparabile al ritorno, per le proporzioni. S’imporrà, però, una prestazione d’orgoglio. Doveva essere una serata di festa e un’occasione di crescita: da festeggiare c’è poco, si potrà imparare dai grossolani errori fatti, se non altro cercando di non ripeterli a Monaco.

Una sconfitta che va dimenticata in fretta, per ripartire di corsa in campionato. Perché per tornare sul palcoscenico della Champions, l’anno prossimo, ci vorrà un’impresa, nella speranza di mostrarsi all’altezza della competizione. Positivi, comunque, Marusic, Lazzari, Correa (bel gol), qualcosa di Milinkovic e di Luis Alberto, poco Immobile, Acerbi affannato, Leiva in chiara difficoltà, Hoedt, Patric e Musacchio non all’altezza dell’impegno, l’argentino forse non ancora in condizione, mentre Lulic comincia a entrare in forma. Bene Reina, anche lui però con molti errori in disimpegno, entrato bene anche Escalante.
Passare oltre.

Lazio-Bayern 1-4 (0-3)

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric (53′ Hoedt), Acerbi, Musacchio (30′ Lulic); Lazzari, Milinkovic-Savic (81′ Cataldi), Leiva (53′ Escalante), Luis Alberto (81′ Akpa Akpro), Marusic; Correa, Immobile. A disposizione: Alia, Caicedo, Fares, Muriqi, Parolo, Pereira, Strakosha. Allenatore: Inzaghi.

BAYERN MONACO (4-2-3-1): Neuer; Süle, Boateng, Alaba, Davies; Kimmich, Goretzka (63′ Martinez); Sané (89′ Sarr), Musiala (89′ Choupo-Moting), Coman (75′ Hernandez); Lewandowski. A disposizione: Hoffmann, Roca. Allenatore: Flick.

ARBITRO: Grinfeld (Israele)

MARCATORI: 9′ Lewandowski (B), 24′ Musiala (B), 42′ Sané (B), 47′ aut. Acerbi (B), 48′ Correa (L)

NOTE: Ammoniti Luis Alberto, Leiva, Correa, Marusic, Escalante (L); Kimmich, Coman (B)

 

L’attesa infinita

Certe giornate non passano mai. Anche se quella di oggi non è di quelle giornate definitive, quelle che non ci dormi la notte prima, che stai tutto il giorno con la testa lì, che ti senti nelle ossa le cose che stanno per capitare.
Non si può mica spiegare a chi non è tifoso. Ma l’importanza dell’evento mica la sentono tutti: per esempio certa stampa che dovrebbe essere specializzata, quella con la carta rosa che una volta era la bibbia degli sportivi, nell’edizione web scrolla scrolla la partita tra Lazio e Bayern viene dopo chiappe e mutande di improbabili fidanzate di misconosciuti campioni. Va così, c’è chi fa notizia e chi no, e poi c’è chi viene sbattuto in prima pagina solo quando c’è da rifilargli qualche palata di fango, meglio se nel quadro di qualche giochino di potere.
La notizia di oggi, comunque, stando al prato verde, siamo noi.
Viene da chiedersi che stadio sarebbe, se ci si potesse accedere. E anche quanti soldi abbiamo perso per colpa del virus, giocando una Champions senza pubblico, oltre al campionato. Anche lì, c’è chi il problema se lo pone e lo risolve e chi no: l’Inter fugge in campionato e rinvia a dopo lo scudetto gli stipendi di novembre e dicembre, quando la regola vorrebbe che chi non rispetta i parametri economici/finanziari paga pegno sotto forma di punti di penalizzazione. Regola derogata ad uso e consumo dei soli interisti, e mi ricordo di quando il genio di Elio cantava di un campionato falsato.
Ognuno se la canta e se la suona come vuole, perciò. Stasera si gioca, la Lazio si misura con la squadra più forte del mondo, quella campione di tutto, quella che ha segnato 8 gol in una partita al Barcellona. L’orologio a guardarlo non si muove, è come l’acqua nella pentola che non bolle mai. Ci aspetta una serata di gala: che peccato non poter essere allo stadio.

 

Contro il Bayern per imparare a vincere

30 Campionati tedeschi
20 Coppe di Germania
8 Supercoppe di Germania
6 Coppe di Lega tedesca
6 Coppe dei Campioni/Champions League
1 Coppa delle Coppe
1 Coppa UEFA
2 Supercoppe europee
2 Mondiali per club
2 Coppe Intercontinentali

Totale: 78 (settantotto) trofei.

Questo è l’avversario che affronterà la Lazio nella sfida degli ottavi di finale di Champions League. Nel ciclo attuale: campioni di Germania dal 2012/2013 a oggi, senza interruzione; detentori della Champions League, del Mondiale per club e della Supercoppa Europea.

Negli ultimi anni si è sempre detto che la qualificazione alla Champions League vale meno di un trofeo, perché non la si può esporre in bacheca come una coppa scintillante.
Però è vero che certe occasioni abituano ai confronti di alto livello, necessari, poi, a trovare le risorse per mettere nel mirino un grande obiettivo, che può essere uno scudetto o una partecipazione importante a una Champions League.

Per intenderci, almeno un quarto di finale, traguardo che raggiunse la Lazio di Eriksson, allora accreditata tra le favorite per vincere la Coppa, che incappò in una serata storta al Mestalla di Valencia e finì per uscire dalla competizione con grandi rimpianti.

Era un momento in cui le squadre italiane arrivavano con facilità a giocarsi le maggiori competizioni europee. Non succede più da anni, visto che i superclub ricchissimi, quelli tradizionali e quelli nuovi,  hanno monopolizzato i grandi tornei europei, ma spesso è capitato di vedere nelle fasi finali del torneo squadre di cilindrata simile a quella della Lazio.

Giocare questa gara col Bayern, insomma, va al di là della competizione per la qualificazione: il pronostico è chiuso, ma proprio per questo la Lazio potrà giocare senza particolare tensione, sapendo che tutto quello che verrà di buono sarà oro colato, e che l’esperienza fatta sarà già un arricchimento fondamentale per il curriculum di tutti quelli che saranno in campo.

La sconfitta in campionato con l’Eintracht dice che i bavaresi sono esseri umani.
In Champions forse giocheranno con più forza e concentrazione, ma sono i primi a esprimere rispetto per le qualità della Lazio, come ha fatto il solito Miro Klose, campione di fair play oltre che fuoriclasse in campo.

Proprio l’aver avuto Klose in biancoceleste dimostra che la Lazio può ambire a stare su certi palcoscenici, se non per ricchezza o per blasone internazionale almeno per l’ottima gestione sportiva degli ultimi trent’anni. Una squadra ormai abituata all’Europa, che punta a piantare le tende nell’Olimpo della Champions League.
Lazio-Bayern, perciò, deve essere un principio, un passaggio di avvicinamento, un capitolo di una storia ancora tutta da scrivere.

 

Tre punti (quasi) facili con la Sampdoria

Un pomeriggio tutto sommato tranquillo per la Lazio contro la Sampdoria. Partita vinta col minimo sforzo, grazie a un bel gol di Luis Alberto, che gioca a fare l’uomo ragno e si rabbuia, al solito, quando viene sostituito. In un clima da assaggio di primavera la Lazio parte piano, con tocchi leziosi e torpori, prende atto della poca voglia dell’avversario e trova il gol quando decide di affondare il colpo, poi controlla con qualche sbadiglio la reazione doriana, poco convinta nell’atteggiamento, anche se alcuni protagonisti in campo potrebbero fare danni. Più Quagliarella di Keita, spento dopo i saluti a tutti del pregara.

La partita scivola via sonnacchiosa, svegliandosi un poco nel secondo tempo, con le sostituzioni di Ranieri che provano a cambiare lo spartito, senza produrre grandi sussulti.
Mancato il raddoppio in diverse occasioni, clamorose quella di Muriqi e quella di Milinkovic-Savic, la Lazio soffre per qualche mischia nel finale ma porta a casa tre punti importanti e può concentrarsi sulla serata di gala di martedì, quando affronterà un Bayern sconfitto in Bundesliga a Francoforte. Segno che anche i tedeschi hanno la testa alla Coppa, mentre devono gestire, non senza polemiche, una mezza emergenza da Covid che li sta esponendo a censure in patria per comportamenti non pienamente rispettosi delle regole. Una storia già sentita.

Biancocelesti tutti da valutare positivamente, considerate le circostanze. Un Immobile un po’ al di sotto delle sue possibilità nel giorno del suo compleanno. Buona qualità per Correa e Milinkovic-Savic, decisivo Luis Alberto, molto positivi Marusic e Musacchio, entrano bene tutti i sostituti, in una giornata che conforta la squadra all’indomani della battuta d’arresto di Milano. La lotta per la zona Champions continua, ora si tratta di confermare di esserne degni con una bella prova contro i supercampioni bavaresi.

Lazio-Sampdoria 1-0 (1-0)

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Acerbi, Musacchio; Marusic, Milinkovic, Leiva (63′ Escalante), Luis Alberto (63′ Muriqi), Lulic (56′ Fares); Correa (56′ Akpa Akpro), Immobile (86′ Caicedo). A disposizione: Alia, Pereira, Armini, Parolo, Cataldi. Allenatore: Inzaghi

SAMPDORIA (3-4-1-2): Audero; Ferrari, Yoshida (46′ Bereszynski), Colley; Candreva, Silva, Ekdal, Augello; Ramirez (46′ Jankto); Quagliarella, Keita (67′ Damsgaard). A disposizione: Ravaglia, Letica, Verre, Torregrossa, Askildsen, Regini, Tonelli, Gabbiadini, Léris. Allenatore: Ranieri

ARBITRO: Massa di Imperia.

MARCATORI: 24′ Luis Alberto (L)

NOTE: Ammoniti: Lulic, Marusic, Escalante, Patric (L); Silva, Ekdal, Colley (S)

Keita e Hermanos: una bella storia di solidarietà

L’abbiamo visto crescere, abbiamo sognato di vederlo diventare un campione, lo abbiamo salutato infastiditi dalla sua voglia di andare altrove, per una vicenda contrattuale complicata e infinita. A 25 anni Keita Balde Diao è ancora in tempo per mantenere le promesse e a Genova sta conquistando la fiducia del tecnico e l’apprezzamento dei tifosi.

Torna a Roma nella settimana in cui la stampa spagnola gli dedica spazio: è imminente la prima televisiva del documentario Hermanos, che racconta la storia del suo intervento a sostegno dei 200 braccianti e raccoglitori di frutta senegalesi rimasti senza casa a Lleida, in Catalogna.

Keita, al tempo in forza al Monaco, è intervenuto in aiuto dei braccianti, inviando cibo, vestiti e denaro. Tutto è avvenuto grazie ai social: dopo aver guardato un video realizzato dal regista Paco Leon insieme a Serigne Mamadou, che denunciava le condizioni in cui vivevano i lavoratori africani, Keita ha preso contatto con Leon e Mamadou, e si è attivato  per aiutare, in tempi di lockdown, con la sua iniziativa di solidarietà, che risale al periodo di marzo/aprile del 2020.

Una storia che parla di razzismo: nonostante Keita si offrisse di pagare le spese molti alberghi  della zona rifiutavano di ospitare i senegalesi, costretti a dormire per strada e a vivere in condizioni disumane.

Nella conferenza stampa di presentazione del video Keita ha raccontato la storia, parlando di razzismo, e ha dichiarato: “C’è qualcosa che non sta andando per il verso giusto. A dire la verità non ne ero cosciente fino a quel momento. Dopo aver visto quel video ho capito. Vivo da molti anni fuori dalla Spagna e non sapevo che le cose andassero così. Offrivamo aiuto e ci siamo scontrati con le pietre. Il problema principale era trovare un posto dove stare e dove dormire, non riuscivamo a trovare un posto. Che ti prendano a sassate quando cerchi di aiutare ti dà da pensare su come stiamo in questo momento. Sono un privilegiato, chi avrebbe mai pensato che avrei potuto fare questa vita? Quando vedo qualcuno triste nello spogliatoio per una sciocchezza penso sempre che i problemi veri sono altri. Viviamo in un mondo dove ci sono più cose brutte che belle, ma non bisogna perdere l’ottimismo. Si tratta di seguire i propri sogni: ho fatto questo a Lleida perché spero che domani lo faccia anche qualcun altro”.

Keita è cresciuto, campione o no, è un uomo che merita tutta la stima del mondo.
Sarà un onore ritrovarlo in campo.