Vittoria in rimonta: la Lazio va

Tre punti d’oro. Questa la sintesi al termine di una gara che la Lazio ha vinto con pieno merito, pur sbagliando l’approccio: nei primi minuti i biancocelesti hanno prestato il fianco al pressing del Sassuolo, palleggiando in modo incerto e prevedibile e consegnando palla agli emiliani in situazioni pericolose: al terzo affondo Caputo segna, e sono passati appena 6 minuti.

Non si tratta, però, della ripetizione delle scialbe esibizioni interne con Udinese e Verona: la squadra reagisce subito, mettendo all’angolo gli emiliani e andando al tiro ripetutamente. Al 25′ Milinkovic-Savic fulmina Consigli con un potente colpo di testa su calcio d’angolo battuto da Correa. Pareggio meritato. La Lazio abbassa un poco il ritmo e si mette ad aspettare l’occasione buona per colpire.

La partita scorre su questi binari anche all’inizio del secondo tempo: la Lazio chiama il Sassuolo fuori dal guscio e prova a colpire l’avversario sbilanciato. Rischia poco, giusto qualche sgroppata senza costrutto di Haraslin e qualche bella geometria di Locatelli. Poi, al fatidico 71′, colpisce con Immobile, che fionda in porta una ghiotta imbeccata da Marusic. I cross dal fondo sono sempre l’anticamera del gol e Ciro è un cecchino infallibile.

La Lazio continua, dopo il gol, a recitare il suo copione. Le sostituzioni non alterano lo spartito: Parolo e Caicedo erano subentrati prima del gol a Patric e Correa, poi Escalante e Lulic rilevano Leiva e Lazzari, nel finale un ottimo Muriqi dà il cambio a Immobile e impegna severamente Consigli, che respinge corto un suo sinistro angolato, sui piedi di Escalante che tira addosso al portiere la palla del 3-1.

Squadra in ottima salute, con Acerbi, Marusic e Milinkovic-Savic in grande evidenza, attesa a una verifica severissima: due confronti con l’Atalanta, tra Coppa Italia e campionato, saranno il banco di prova per le ritrovate ambizioni della squadra. La classifica è corta e la Coppa Italia decide ora le protagoniste per l’atto finale. La Lazio è pronta a giocarsi le sue carte.

LAZIO (3-5-2): Reina 7; Patric 5,5, Acerbi 8, Radu 6,5; Lazzari 6,5 (30′ st Lulic 6), Milinkovic-Savic 8, Leiva 6,5 (31′ st Escalante 6), Akpa Akpro 6,5, Marusic 8; Correa 6, Immobile 7 (41′ st Muriqi 6,5). A disposizione: Alia, Furlanetto, Armini, Hoedt, Parolo, Fares, Czyz, Pereira, Caicedo. Allenatore: Inzaghi

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli 6; Muldur 6 (46′ st Raspadori), Ferrari 6, Marlon 6, Rogerio 6,5; Locatelli 6, Obiang 6 (31′ st Lopez); Traoré 6 (31′ st Boga), Djuricic 7, Defrel 5,5 (1′ st Haraslin 6); Caputo 7. A disposizione: Pegolo, Turati, Ayhan, Peluso, Kyriakopoulos, Magnanelli, Oddei, Toljan. Allenatore: De Zerbi

ARBITRO: Giua di Olbia

MARCATORI: 6′ pt Caputo (S), 25′ pt Milinkovic-Savic (L), 26′ st Immobile (L)

NOTE: Ammoniti: Patric, Leiva (L); Marlon, Ferrari (S)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *