Felice Pulici

“La Lazio non è una squadra di calcio. La Lazio ti entra dentro, ti cattura, è lei che ti sceglie, come i giovani figli di Sparta attrae a sé solo chi è disposto a soffrire, perché quando c’è la Lazio in mezzo non c’è mai nulla di facile”

Il portiere del primo scudetto, con le sue giornate da paratutto (famoso un Milan-Lazio 0-0 a San Siro che gli valse il 10+ in pagella da parte del Messaggero) e la sua regolarità assoluta. Mai un’assenza, mai una brutta prestazione. Appena 16 gol subiti nel ‘72/73, in un’intera stagione, segnano il record per la difesa della Lazio. Molto si deve a lui, che supera lo scetticismo iniziale (qualcuno lo ricordava prendere cinque gol all’Olimpico col Novara) e fa dimenticare l’ottimo Bandoni, portiere della promozione rientrato a Firenze per fine prestito. Felice sfiorò la Nazionale e sfoderò la prestazione da incorniciare dell’intera carriera in un derby deciso da un gol di Giordano e dalle sue prodigiose parate, dedicate al morente Maestrelli. Lasciò la Lazio un anno dopo, sostituito da Vinicio che gli preferì Garella, accontentandosi di ripartire dalla serie B, col Monza. Dopo una fortunata parentesi ad Ascoli, tornerà alla Lazio per chiudere la carriera e rimarrà per qualche anno nei ranghi societari, togliendosi la soddisfazione di laurearsi in giurisprudenza e di diventare avvocato.
Disponibile, affabile, sempre sorridente, si concedeva ai tifosi raccontando la Lazio, vissuta in ogni forma, in un’ideale linea di continuità con Bob Lovati, portiere della prima Coppa Italia conquistata dalla Lazio. Una piccola staffetta di affetti, una coppia che custodiva i valori biancocelesti mantenendo sempre l’aplomb e la dignità. Per questo Felice lasciò la Lazio, quando era ancora in grado di dare molto in campo, per questo ha sempre lavorato, fino al giorno in cui è morto, due anni fa, ucciso da una grave malattia.

Nella ricorrenza di quel triste giorno, riprendo proprio dalla scheda di Felice Pulici le figurine che componevano il libriccino che dà il nome a questo blog, che nasce per rispondere alla necessità di leggere la quotidianità laziale scritta con serenità e in buona fede. A costo di scriversela da soli…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *