Prima della battaglia

Una vigilia passata quasi sotto silenzio, complice il calendario serrato e la nostra tendenza a parlarci addosso sui social e in giro per il web. Eppure Lazio-Bruges è la porta per arrivare alla seconda fase della Champions League, dalla quale la Lazio manca dal 2001. Allora fu un secondo girone, oggi sarebbe l’eliminazione diretta, ottavo di finale, vicino al limite toccato nell’anno dell’ultimo scudetto, con l’eliminazione ai quarti figlia di una sciagurata serata al Mestalla di Valencia, che ci impedì di arrivare in fondo alla competizione, con una squadra in grado di trionfare.

Oggi il valore della Lazio nel contesto internazionale non è così alto, ma si tratterebbe, comunque, del punto più alto raggiunto nel terzo millennio e nell’era lotitiana. Col Bruges basterà un pareggio, ma si spera tutti in una vittoria che porti prestigio, soldi, punteggio per il ranking europeo e un grande gala negli ottavi di finale. Senza pubblico, ma con la voglia di misurarsi in una competizione esaltante.

Se si dovesse perdere si rimarrà in Europa, ritentando la sorte in Europa League. Un torneo di consolazione, se si sta nella competizione più importante. L’obiettivo primario però è rimanere in Champions League: in fondo alla stagione, restando tra le prime quattro; domani, centrando una qualificazione storica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *